Segno d’amore, simbolo sacro, icona di moda: il cuore si mette in mostra

di LAURA ASNAGHI
Il sonoro è quello di un cuore che pulsa mentre in tante teche di cristallo l’occhio è rapito da 160 fantastici gioielli, tutti dedicati al cuore, tra sacro, profano, messaggi amorosi e buoni sentimenti.  Benvenuti alla mostra “Be a sweetheart, il cuore nel gioiello di moda”, che si apre oggi, a due passi dal Duomo di Milano, al primo piano di Palazzo Giureconsulti. L’ingresso è libero e fino al 18 febbraio, dalle 10 alle 18.30, si possono ammirare cuori trafitti da frecce (che rimandano al dramma del femminicidio), i cuori barocchi in versione ex voto, sovrastati da corone e irti di spine. Non mancano le versioni pop del cuore, molto colorati e gioiosi e quelli di design. La mostra che nasce da un progetto di Homi Fashion&Jewels, in programma a Fiera Milano dal 15 al 18 febbraio, ha come obiettivo quello di offrire al grande pubblico la possibilità di ammirare piccoli e grandi capolavori, che esaltano creatività e abilità artigianale. Tutto questo nella settimana in cui si celebra la festa di San Valentino, che ha come simbolo massimo il cuore. Il percorso, organizzato in collaborazione con Poli.design, è suddiviso in tre parti, ovvero il cuore come messaggio, come dono e come simbolo sacro. Su una parete è riprodotta una citazione di Haruki Murakami, tratta da “I salici ciechi e la donna addormentata” che dice: “Il cuore umano a me dà l’impressione di un pozzo profondissimo, nessuno sa cosa ci sia laggiù, si può solo cercare di immaginarlo dalle cose che ogni tanto vengono a galla”.